Le Storie di Ucif
COMMEMORANDO LA TRAGEDIA DI BRUSSON
di Sonia Bertolatti

 

Qualche anno fa, c’è stata una tromba d’aria anche in Valtellina, certo non così violenta. . Ero in maneggio e stavo pulendo la mia cavalla vicino all’ingresso della scuderia, quando ad un certo punto questa, si è spostata tutta d’un fianco contro il muro. Subito il portone si è sganciato dalle guide, sollevato dalla corrente provocata dalla tromba d’aria ed è caduto ai piedi della mia cavalla. Mia figlia è stata presa di striscio su una gamba che le è diventata livida, mentre io ho fatto in tempo a spostarmi. Fortunatamente il portone non era molto pesante, ma in compenso la scuderia si è allagata in un baleno con acqua e grandine. Ho messo immediatamente la mia cavalla nel primo box libero, pensando si agitasse e si facesse male, invece lei tranquillissima, mi ha seguita e ha cominciato a brucare il fieno. Mi sono resa conto che poteva veramente succedere il peggio, gli altri cavalli si sono agitati, invece, fortunatamente non è successo nulla di grave.
Sono rimasta comunque stupita dalla fredda reazione della mia cavalla in quel frangente, essendo lei angloarabo, quindi solitamente abbastanza “calda”.
Mi spiace moltissimo per la cavalla ferita e ancora di più per quella rimasta uccisa a Brusson.

IMG_0466